Neuroimmunomodulazione

La psiconeuroimmunologia (PNI) ha spalancato da qualche anno l’universo nuovo ed inesplorato dello stretto rapporto tra mente-corpo-cervello e dimensione immunometabolica.

 

Neuroimmunomodulazione

Psiconeuroimmunologia
La neuroimmunomodulazione si avvale di dispositivi altamente tecnologici e avanzati. BIA-acc e PPG-Stress Flow sono i primi test che permettono la Parametrazione dei livelli di Stress. Per capire meglio di cosa si tratta clicca qui

 

 

Che cos’è la Neuroimmunomodulazione

L’impatto delle scienze di base sta radicalmente cambiando il modo in cui le malattie vengono identificate, trattate e vissute sia dai sanitari che dalla popolazione in generale. Per tale motivo ci si propone di esaminare l’influenza delle neuroscienze e dell’immunologia sui modelli di comprensione delle malattie. L’obiettivo è sviluppare lo studio delle relazioni tra i sistemi di regolazione neuroendocrino-metabolico ed immunitario.

La PsicoNeuroImmunologia (P.N.I) è un modello scientifico di riferimento che permette di conoscere il funzionamento dell’organismo umano. Non è possibile studiare efficacemente l’attività dei vari sistemi separandoli tra di loro, poiché nella realtà dell’essere vivente essi si influenzano reciprocamente e in modo costante. Lo studio delle emozioni, la definizione delle aree cerebrali interessate e la loro connessione con la risposta immunitaria, soprattutto attraverso il sistema dello stress, forniscono la base scientifica per superare definitivamente la storica contrapposizione tra la mente e il corpo.

Come si applica in ambito curativo

L’analisi psicometrica integrata e la valutazione di alcuni tra i più significativi parametri immunologici e metabolici hanno lo scopo di chiarire, alla luce delle attuali conoscenze, il ruolo dello stress, ed interpretare l’eventuale ricaduta organica di tale situazione di disagio psicologico e fisico soprattutto a livello immunitario.

La P.N.I. prende in considerazione non solo la risposta immunitaria del singolo individuo ma anche i fattori psicosociali (ad es. stile di vita, nutrizione), mentali e relazionali che spesso sono una importante concausa delle patologie, come ad esempio esacerbazione di malattie allergiche, metaboliche, autoimmuni; cronicizzazione di malattie infettive soprattutto virali; maggiore suscettibilità all’insorgenza di malattie cardiovascolari o neoplastiche.